Home News Smartphone vietato ai minori di 14 anni: l’ultima proposta di legge in Italia
smartphone bambini legge

Smartphone vietato ai minori di 14 anni: l’ultima proposta di legge in Italia

di Michele Ingelido

Vietare lo smartphone ai bambini: questo è l’obiettivo della nuova proposta di legge avanzata dal senatore Andrea Cangini su cui si è appena espressa Sandra Zampa, sottosegretario al Ministero della Salute. Stando al sottosegretario è insensato che per la guida di un’auto sia necessaria la patente e per utilizzare il cellulare non ci siano limiti di età. Essendo gli smartphone uno strumento potente come le automobili, Sandra Zampa ritiene che sia necessario discernere le possibilità di utilizzo in base all’età evolutiva dei ragazzi.

Ha inoltre dichiarato che a suo avviso alcune applicazioni andrebbero limitate, perchè i bimbi non possono passare le notti sveglie a chattare. Andrebbe a suo dire stabilita un’età minima per possedere uno smartphone, con divieti, controlli e sanzioni per le aziende che realizzano contenuti dannosi. Il sottosegretario al Ministero della Salute ha quindi proposto un tavolo guidato dalla presidenza del Consiglio in cui prendere decisioni da convertire in legge.

Le proposte sono atte non solo a rendere gli smartphone vietati ai minori di 14 anni, ma anche ad impedire ai bambini l’iscrizione ai social network. Si propone infatti l’obbligatorietà dell’esibizione di un documento contestualmente alla registrazione su social network come Facebook, Instagram e TikTok, magari attraverso lo SPID. Attualmente i social network sono già vietati ai minori di 14 anni, ma la facilità di utilizzo di dati falsi per la registrazione e la mancanza di controlli rende semplice ai bambini iscriversi.

Non a caso la proposta di legge guarda anche al conferimento alla polizia postale di maggiori poteri di divieto e la possibilità di sanzionare i provider per la mancata osservanza delle suddette direttive.Sandra Zampa ritiene inoltre necessario un percorso di formazione dei genitori in ambito tecnologia per il bene dei propri figli e l’indurre i ragazzi a conoscere a memoria il codice penale al fine di portare a conoscenza delle conseguenze derivanti dalla violazione della legge.

Un divieto di utilizzo degli smartphone, a detta del sottosegretario, andrebbe imposto anche nelle scuole in quanto elemento di distrazione e causa di danni intellettivi. Il telefono andrebbe “consegnato all’entrata a scuola e ripreso all’uscita”. Di seguito le parole di Sandra Zampa:

È insensato che per guidare l’auto serva la patente e per usare il cellulare non ci siano limiti in base all’età. Gli smartphone sono potenti come le automobili, se non di più, e bisogna fare distinzioni nella possibilità di utilizzo con l’età evolutiva dei ragazzi. Vanno limitate la connessione e certe app: i bimbi non possono passare le notti svegli a chattare. Gli adulti e le istituzioni non sono riusciti a entrare in questo mondo e quindi i più piccoli non sono tutelati. Serve subito un tavolo, guidato dalla presidenza del Consiglio, che coinvolga la garante nazionale dell’infanzia, il garante della privacy, l’autorità delle telecomunicazioni, i pediatri, i neuropsichiatri, gli psicologi, i genitori, gli insegnanti, la polizia postale, le aziende tecnologiche. Bisogna decidere l’età per possedere uno smartphone, divieti, controlli e quali sanzioni infliggere alle aziende che producono contenuti pericolosi. Le decisioni di questo tavolo devono diventare subito legge.

È inammissibile vedere bimbi di 2 o 3 anni incantati al ristorante con lo smartphone. Un cellulare a una certa età va proibito, ma il limite va fissato in base alle diverse età: come avviene per la divisione dell’Italia a colori, occorre modulare i divieti a seconda delle età. Un telefonino in mano puoi averlo, per esempio, a partire dalla quinta elementare. Ma questa non è una gara a chi centra l’età giusta. Si deve pensare, inoltre, a telefoni con meno funzioni per i più piccoli: smartphone adatti a ogni età.

Siete d’accordo con la proposta di legge o ritenete che l’utilizzo del cellulare non rappresenti una minaccia così grande per i minori di 14 anni?

👥 Iscriviti su alla community OPPO più grande in Italia 🇮🇹


📰Non vuoi più perderti notizie su OPPO? Seguici su Google News cliccando la stellina🏅

Potrebbe anche interessarti