Home News OPPO brevetta un airbag per smartphone che protegge da cadute e acqua
smartphone airbag

OPPO brevetta un airbag per smartphone che protegge da cadute e acqua

di Michele Ingelido

Quante volte avete imprecato perchè il vostro smartphone è caduto per terra o in un liquido? Quante volte avete desiderato avere un cellulare immune a qualsiasi caduta? Con i prezzi dei dispositivi mobili aumentati a dismisura negli ultimi anni, distruggere uno smartphone per via di una caduta sta diventando un fatto sempre più grave. OPPO ha provato a pensare a una soluzione: l’azienda ha appena depositato un brevetto in Cina riguardante un vero e proprio airbag per smartphone.

Il brevetto di OPPO parla di un “metodo di protezione dalle cadute” ed è stato appena svelato con il codice di pubblicazione CN108769424B. L’esempio illustrato mostra una sorta di airbag compresso all’interno dello smartphone che si gonfia quando lo smartphone rileva una caduta. Così facendo lo smartphone viene protetto non solo dalle cadute classiche ma anche nelle cadute in acqua, perchè l’airbag integrato gli permette di galleggiare.

oppo smartphone airbag

Con questa tipologia di soluzione il dispositivo potrebbe salvarsi praticamente in ogni tipo di situazione in cui scivola via dalle mani dell’utente. Un airbag potrebbe infatti risultare molto più efficace di una certificazione militare, dell’impermeabilità con certificazione IP68 oppure delle varie protezioni Gorilla Glass che rendono i vetri più resistenti.

OPPO ha già portato sul mercato qualcosa di simile con i dispositivi delle serie Reno e Reno2, in grado di ritrarre la loro fotocamera pop-up in caso di caduta per proteggerla in tempo da eventuali danni. Tuttavia per ora l’airbag per smartphone è solo un brevetto: non sappiamo se e quando questa tecnologia arriverà sul mercato. Attualmente OPPO è al secondo posto nella classifica delle aziende che hanno depositato più brevetti in Cina.

👥 Iscriviti su alla community OPPO più grande in Italia 🇮🇹


📰Non vuoi più perderti notizie su OPPO? Seguici su Google News cliccando la stellina🏅

Potrebbe anche interessarti