Home News Recensione OPPO Reno7: l’unico low cost che si distingue dalla massa
OPPO Reno7

Recensione OPPO Reno7: l’unico low cost che si distingue dalla massa

di Michele Ingelido

Fra i tanti, decisamente troppi (molti anche inutili o dal prezzo fuori mercato), smartphone economici rilasciati nel 2022, spicca in modo particolare OPPO Reno7. Questo smartphone ha saputo distinguersi egregiamente dalla massa grazie a un design unico e sorprendente, ma anche grazie ad alcune chicche molto particolari, portando un’aria di nuovo in una fascia di prezzo in cui i dispositivi non avevano più nulla da offrire se non un’esperienza utente accettabile.

In questa recensione di OPPO Reno7 scopriremo insieme nel dettaglio gli elementi che lo hanno portato a distinguersi rompendo gli schemi, ma anche la resa di questo dispositivo sotto ogni aspetto, per stabilire se è uno smartphone a cui si può fare affidamento pur con il risparmio che si ottiene acquistandolo.

OPPO Reno7: la recensione completa

Design e materiali

OPPO Reno7

OPPO Reno7 ha un design favoloso e per quanto è raffinato si fa fatica a credere che sia solo un medio gamma. Stiamo facendo riferimento in modo particolare alla colorazione Sunset Orange di questo smartphone (esiste anche un’opzione Cosmic Black), che è poi quella che abbiamo testato.

La sua peculiarità è il fatto che la sua scocca posteriore è realizzata in pelle (o meglio similpelle, nella sola colorazione Sunset Orange): un materiale praticamente impossibile da trovare sui dispositivi economici. In più troviamo degli elegantissimi bordi piatti in stile iPhone che donano un ulteriore tocco di classe, ed un display con foro in alto a sinistra con bordi sottili (anche se il mento è ben più spesso, peccato perchè se il mento fosse stato sottile come i lati non sarebbe stato facile distinguerlo dagli smartphone di fascia alta).

Questo device è realizzato in pelle, ma guai a pensare che sia una pelle delicata: dei test effettuati in laboratorio attestano una grande durevolezza del materiale utilizzato. Il profilo è realizzato invece in un policarbonato con una finitura che emula il metallo.

Spostandoci sul modulo fotografico possiamo notare, oltre ad una bellissima soluzione di design e ad un elegante posizionamento dei sensori, un anello LED che circonda una delle due fotocamere. Non si tratta del flash (quello è posizionato in basso a destra), bensì di un LED ring che può essere utilizzato come LED di notifica e per altri scopi (ad esempio si accende mentre si ricarica la batteria).

La presenza di questo LED non solo da più utilità alla scocca posteriore del dispositivo, ma lo rende ancora più bello e suggestivo. Citiamo inoltre la certificazione IPX4 che attesta la resistenza all’acqua di OPPO Reno7: non è resistente alle immersioni ma è protetto contro gli spruzzi e quindi si può usare anche sotto la pioggia.

Oltre ad essere bellissimo, originale e resistente, OPPO Reno7 è anche abbastanza compatto, molto sottile e molto leggero: il suo display è ampio ma non troppo, lo spessore è di soli 7,5 mm e il peso ammonta a soli 175 grammi, ben sotto la media. Nella confezione sono presenti un caricatore SuperVOOC da 33W, un cavo USB-C ed una cover protettiva con retro trasparente ma dal profilo opaco.

Display

OPPO Reno7

Bisogna fare senza alcun dubbio i complimenti a OPPO per aver montato a bordo del Reno7 un ottimo display. Trattasi di un pannello AMOLED da 6,43 pollici con risoluzione Full HD+ e refresh rate a 90 Hz, inclusivo di protezione Gorilla Glass 5 (una delle più avanzate di Corning, attualmente seconda a Gorilla Glass 6, Gorilla Glass Victus e Victus+) contro graffi e urti e di un’ottima luminosità che può arrivare fino a 800 nit.

Oltre ad offrire grande fluidità visiva, questo pannello riproduce anche molto bene il colore e ciò rappresenta una grande risorsa per la fascia di prezzo a cui viene venduto. Anche inclinando il display al massimo i colori non virano più di tanto, restano sempre brillanti e i neri risultano profondi.

La differenza nella riproduzione cromatica rispetto ai top di gamma è sicuramente tangibile, tuttavia OPPO Reno7 non sfigura affatto. E’ anche dotato di un lettore di impronte digitali integrato nel display che ci è risultato preciso e veloce sbloccando lo smartphone con celerità ad ogni tentativo.

L’audio è purtroppo mono, ma l’altoparlante ha una resa più che accettabile e un volume alto. In compenso c’è anche il jack audio per usare le cuffie con attacco da 3,5 mm. Buono l’audio in chiamata, nessun problema riscontrato in merito al funzionamento dei sensori sopra al display (prossimità e luminosità).

Hardware

Chiamare questo smartphone OPPO Reno7 in Italia è stata una scelta molto singolare. A livello hardware, infatti, questo dispositivo è inferiore al Reno6 5G. Per fortuna, però, è anche molto più economico. Prima di tutto precisiamo che gli manca il 5G, uno dei motivi che lo rendono molto più conveniente; ma il 5G non serve a tutti, specialmente se consideriamo la sua ancora scarsa diffusione sul territorio italiano e il fatto che la rete 4G continua a garantire prestazioni più che sufficienti un po’ per tutti gli utilizzi.

OPPO Reno7 è alimentato da un processore Snapdragon 680 octa-core da 2,4 GHz affiancato ad 8 GB di memoria RAM e una memoria interna da 128 GB di tipo UFS 2.2 espandibile tramite micro SD. E’ un hardware di fascia media e le prestazioni sono perfettamente in linea con quest’ultima: ci vuole qualche secondo per aprire le app pesanti e sebbene sia solitamente soddisfacente a livello di fluidità, è notevolmente più lento dei modelli di fascia alta come ad esempio il Find X5.

Comunque, le applicazioni le fa girare tutte dignitosamente e grazie agli 8 GB di RAM le prestazioni sono più che decenti anche in multi-tasking. Se siete dei videogiocatori (a meno che non vi divertiate a giocare solo con giochi leggeri e privi di grafica 3D avanzata) non dovreste scegliere questo dispositivo perchè la sua GPU non è potente a tal punto da risultare adatta al gaming, ma se siete utenti medi che usano il telefono per messaggiare, navigare su internet e fare qualche giro sui social network non vediamo perchè non dovrebbe essere un dispositivo ideale per voi.

La vibrazione è zanzarosa, poco definita. Niente 5G e Wi-Fi 6, ma troviamo un buon Wi-Fi ac e il Bluetooth 5.1, oltre all’NFC (altro modulo non scontato sui low cost, utilizzato soprattutto per i pagamenti contactless), a formare un parco connettività che non è affatto deludente. La ricezione del segnale è più che buona e il dispositivo è dotato di uno slot dual SIM tramite il quale è possibile usare due numerazioni. Uno degli slot può essere usato per inserire una microSD.

Software

Gli smartphone economici della serie A di OPPO ed anche tanti altri modelli economici come ad esempio i Redmi di Xiaomi rilasciati nella prima metà del 2022 hanno come sistema operativo preinstallato Android 11. Nonostante anche OPPO Reno7 appartenga a tutti gli effetti alla stessa fascia economica, in questo caso non è così: il device esegue Android 12 personalizzato da ColorOS 12.1, al lancio l’ultima versione disponibile dell’interfaccia di OPPO.

Ciò sta a significare che questo smartphone riceverà un supporto software molto più lungo ed andrà ben più in la con gli aggiornamenti rispetto ai soliti smartphone economici, anche perchè le politiche del brand privilegiano la serie Reno rispetto alla serie A. Stando alle politiche ufficiali OPPO Reno7 dovrebbe ricevere 2 anni di aggiornamenti alle nuove versioni di Android e addirittura 4 anni di patch di sicurezza! Con le patch di sicurezza siamo quindi alla stessa durata di supporto della serie Find che contiene i top di gamma. Eseguendo ColorOS 12.1 questo smartphone è inoltre dotato delle novità più recenti introdotte dal brand, anche se non ci sono proprio tutte le funzioni che potete trovare sulla serie Find.

impostazioni coloros

Ci troverete però di sicuro le funzionalità e le migliorie che hanno reso ColorOS 12 un’interfaccia utente invidiabile anche dai brand più importanti, tra cui un’interfaccia grafica inclusiva e coerente in ogni schermata, funzioni super per il multi-tasking tra cui le finestre flessibili, ottimizzazioni a privacy e prestazioni, il clonatore di sistema, un gran realismo nelle animazioni e un mare di personalizzazioni. Essendo un AMOLED c’è anche la modalità Always On Display.

Fotocamera

Non possiamo considerare OPPO Reno7 un top camera phone, ma nemmeno un camera phone scarso. Sul retro vanta una tripla fotocamera che include un sensore principale da 64 Megapixel: un obiettivo che abbiamo visto più volte sui dispositivi di fascia media delle serie Find e Reno, in grado di difendersi senza sfigurare realizzando buoni scatti in buone condizioni di luce.

Cala vertiginosamente la definizione in notturna ma il software riesce a metterci una pezza gestendo bene la luce, quindi questo dispositivo non è un disastro la notte come molti altri low cost. Purtroppo non c’è il grandangolo, ma è stato sostituito da una fotocamera microscopio in grado di effettuare degli scatti macro con un ingrandimento molto importante.

Il terzo sensore è un monocromatico per il calcolo della profondità che serve a migliorare l’effetto bokeh nei ritratti. Video accettabili ma purtroppo solo in 1080p. Superba la fotocamera frontale da ben 32 Megapixel, capace di scattare selfie bellissimi per questa fascia di prezzo.

N.B: le foto nella galleria sopra non sono a piena risoluzione per motivi di spazio e di caricamento della pagina. Per visualizzare le foto a piena risoluzione potete accedere a questa galleria esterna.

Batteria

Il profilo sottilissimo non ha consentito di inserire una batteria molto grande su OPPO Reno7, ma i suoi 4500 mAh riescono a dare comunque ottimi risultati. Grazie alla sempre estrema ottimizzazione software di ColorOS e a dei componenti che consumano poca energia come il display AMOLED e il processore costruito a 6 nanometri, OPPO Reno7 riesce a durare molto con una singola carica.

Supera la giornata senza problemi ed anche le 6 ore di schermo acceso con un uso abbastanza intenso. Supporta la ricarica rapida a 33W (una tecnologia di media velocità) grazie alla quale non ci vuole molto per portare la batteria da 0 a 100%. Con la ricarica inversa, se avete un cavo adatto, potete anche utilizzare il dispositivo come una power bank per ricaricarne altri. La ricarica avviene attraverso una porta USB-C che supporta la tecnologia OTG ma non include l’uscita video.

OPPO Reno7: scheda tecnica

  • Dimensioni e peso: 159.9 x 73.2 x 7.5 mm e 175 grammi
  • Colorazioni: Cosmic Black e Sunset Orange
  • Display: 6,55″ AMOLED Full HD+ (1080 x 2400p) 90 Hz
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 680, 6 nm, octa-core 2,4 GHz
  • Memorie: 8 GB RAM + 128 GB UFS 2.2
  • Software: Android 12 + ColorOS 12.1
  • Connettività: 4G, WiFi ac, Bluetooth 5.1, GPS, dual SIM, USB-C, OTG
  • Audio: mono
  • Fotocamera posteriore: tripla da 64 + 2 + 2 MP (principale f/1.7 + microscopio f/3.3 + profondità f/2.4)
  • Fotocamera anteriore: 32 Megapixel f/2.4
  • Batteria: 4500 mAh con ricarica rapida a 33W

Prezzo

Il prezzo di OPPO Reno7 è un ottimo compromesso per chi cerca un dispositivo di fascia media affidabile e la convenienza di questo dispositivo, grazie soprattutto alle tante offerte messe a disposizione, ha contribuito a renderlo uno dei best-seller in Italia a poche settimane dal lancio.

E’ sbarcato nel nostro Paese con un prezzo di listino di 329 euro, ma in realtà non lo abbiamo visto praticamente mai a quel prezzo. Fin da subito è stato oggetto di una promo di lancio con cuffie true wireless in omaggio ed anche di consistenti sconti che lo hanno reso molto più economico.

OPPO Reno7: Conclusione

OPPO Reno7 è una piacevole compromessa. E’ un telefono con il quale OPPO ha saputo mettere i compromessi dei dispositivi economici al posto giusto per non far sentire troppo agli utenti la mancanza di un dispositivo di fascia alta. Al prezzo a cui viene venduto offre performance sempre superiori alla sufficienza sotto ogni aspetto, sfiorando addirittura la lode in ambiti come il display e il design, e presentandosi addirittura con delle chicche introvabili su altri dispositivi.

Lo consigliamo agli utenti medi che non giocano e che del 5G non ne hanno bisogno, ma che desiderano un dispositivo dalla buona affidabilità, in grado di durare a lungo (sia in termini di qualità costruttiva che di supporto software), con prestazioni più che accettabile ed anche bello da vedere.

OPPO Reno7
  • 9/10
    Design - 9/10
  • 8/10
    Display - 8/10
  • 7/10
    Hardware - 7/10
  • 9/10
    Software - 9/10
  • 7.5/10
    Fotocamera - 7.5/10
  • 8/10
    Batteria - 8/10
  • 8/10
    Prezzo - 8/10
8.1/10

Verdetto finale

OPPO Reno7 è uno smartphone che porta una ventata d’aria fresca in un mercato stagnante, almeno a livello di design. Le sue stupende chicche, ossia l’anello LED e la fotocamera microscopio, non hanno distolto OPPO dall’offrire un dispositivo di tutto rispetto sotto ogni punto di vista, un low cost che per forza di cose non può eccellere in nulla ma che va ben oltre la sufficienza in tutto.


 ✓ PRO
 
  • Design originalissimo in pelle
  • Sottile e leggero
  • Buon display AMOLED
  • LED posteriore per le notifiche
  • Buon prezzo
  • Software aggiornato
  • Resistenza all’acqua
  • Ricarica inversa
  • Slot micro SD
  • Fotocamera microscopio
  • Ottima selfie camera

 

 ✕ CONTRO
 
  • Non ha il 5G
  • Niente grandangolo
289,99€
329,99€
disponibile
Oppostore.it

💰 Risparmia sulla tecnologia: iscriviti al nostro canale Telegram di offerte! ✈️


👥 Iscriviti su alla community OPPO più grande in Italia 🇮🇹


🛒 Vuoi acquistare i prodotti OPPO ai prezzi migliori? Scoprili nella sezione Shop 🛍️

Potrebbe anche interessarti